Ben arrivati a Viola Ikab e Blu

Home| News| Ben arrivati a Viola Ikab e Blu

Dall’inferno di Suzzara al paradiso di Magnago

Era la notte del 30 settembre quando, dopo una vicenda rocambolesca, i cancelli di Magnago si sono aperti ed hanno lasciato passare un enorme camion. Di quelli che di solito portano gli animali da reddito alla loro ultima destinazione.

Ma questa volta la destinazione era diversa, ed il camion non era stipato all’inverosimile.
Questa volta ne sono scese solo tre mucche.
O meglio, una mucca e due vitelli.

La mucca, che ora si chiama Viola, era la numero 5794 del gruppo di otto mucche sprovviste di marche, e per questo condannate all’abbattimento e alla distruzione dei loro corpi, per le quali noi di Vitadacani Onlus abbiamo per mesi lottato, trattato, lavorato.
Scontrandoci contro una burocrazia fredda, cieca e sorda.
Contro l’ignavia dei funzionari ASL e la incurante crudeltà di chi di loro disponeva, su di loro lucrava e guadagnava da sempre.

La loro storia di #8mucchedasalvare l’abbiamo già raccontata.

Ikab e Blu erano nella stessa stalla, ma sono ora rifugiati e salvi grazie ad uno strano destino.
Al loro posto, infatti, sarebbero dovute arrivare due vitelline, Amy e Margherita, figlie di due delle mucche senza marche. E per questo a loro volta non tracciabili quindi non utilizzabili per l’umana alimentazione.
Loro sono salvi perché maschi.
E in quanto vitelli maschi di una razza di vacche da latte inutili ed improduttivi.
E’ stato così che, quando è arrivato il momento di stilare la lista dei capi da marcare per l’uscita, ed inserire loro il bolo ruminale, il loro padrone ha deciso di disfarsene. Sostituendoli alle due piccole.
Quando siamo arrivate per portar via tutte i giochi erano già fatti.
A nulla sono valse le proteste, le prove in nostra mano, i tentativi di trattativa. Abbiamo dovuto cedere, e portare in salvo almeno loro due.
Ci siamo viste trascinare via Amy, Margherita ed Hope, una piccola di sole due settimane che veniva tenuta legata stretta al collo con una corda. Affinché imparasse da subito quale fosse il suo ruolo nel mondo.
Per loro stiamo ancora lottando.

Intanto, Ikab e Blu, vitellini nati per morire in un mattatoio, sono salvi.
Contrariamente ai loro sfortunati fratelli, potranno crescere, insieme alla loro mamma adottiva Viola, diventare grandi, mangiare erba fresca, godersi la brezza, le stelle, il sole caldo.

Il santuario Porcikomodi di Magnago sarà per sempre la loro casa.

Aiutaci a sostenere le spese per il loro mantenimento.
Così facendo, ci permetterai di continuare ad accogliere altri animali rifugiati, e continuare ad operare affinché essi possano raccontare a chi li vuole ascoltare la loro storia, la storia di milioni di animali stritolati dagli ingranaggi dello sfruttamento, e seminare, in chi ha voglia di ascoltare davvero, semi per un cambiamento radicale.
Unisciti a chi ha già contribuito!
Una mucca, se libera da allevamenti e catene, può vivere venti anni ed oltre. Viola, Ikab e Blu da noi vivranno per tanti, tanti anni a venire.

Clicca qui per sapere come fare.

Viola è adottata a distanza fino a gennaio 2016 da Vegusto.
Blu è adottato a distanza fino a gennaio 2016 da Coordinamento Fermare Green Hill.
Ikab (ora Ikab-Felice) è adottato a distanza fino a ottobre 2016 da Sergio Marchese.

2016-03-31T23:16:25+00:00 18 Nov 2015|News|0 Comments

Leave A Comment

Questo sito utilizza cookie per darti servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando qualunque elemento in pagina, acconsenti all\'uso dei cookie. per maggiori info | ACCETTO