Uniamoci a LAV

Emendamento “Caccia Selvaggia”

mattarella emendamento caccia

AGGIORNAMENTO 3 GENNAIO

Nonostante le tantissime richieste inviate, il Presidente Mattarella non è intervenuto sul famigerato articolo “caccia selvaggia”, che consentirà ai cacciatori di sparare sempre e ovunque, anche nei parchi e nei centri urbani.

Più di 30.000 persone nei pochi giorni di fine anno 2022 hanno effettuato l’accesso al form LAV che consentiva di inviare un messaggio al Presidente della Repubblica, ma questa enorme mobilitazione non è stata sufficiente: la Legge di Bilancio è stata promulgata lo scorso 29 dicembre 2022 con tutto il suo contenuto di devastazione di habitat e animali.

mattarella emendamento caccia

26 DICEMBRE

La guerra e il genocidio degli altri animali continuano e, se possibile, in questi giorni, sta per tingersi ancor più di sangue.
E’ ciò che accadrà se non riusciremo a bloccare l’emendamento sulla caccia alla legge di bilancio presentato da Fdi e approvato in commissione bilancio della Camera. 

Il dispositivo consentirà la caccia indiscriminata nei parchi, nelle aree protette e nelle aree urbane.
Tenterà di spazzare via tutto ciò che di bello e libero abita il nostro pianeta.

L’iter autorizzativo, prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, prevede che il documento sia firmato dal Presidente della Repubblica Mattarella.
Per questo, ci uniamo a Lav, nel rivolgerci a lui perchè non firmi questo scempio.
Chiediamo che blocchi la strage imminente.
Il massacro legalizzato, che si vuol far passare in modo così silente e vigliacco.
Alla chetichella, sperando che nessuno se ne accorga.
Strizzando gli occhi alla lobby delle armi.
Alla casta dei cacciatori.
Che tengono disperatamente in vita un costrutto violento e patriarcale obsoleto, inaccettabile e così vergognoso.
Un tradimento a tutto ciò che di green e sostenibile andrebbe fatto in questi tempi bui.
Mentre, i nostri politici, invece che preoccuparsi di ambiente ed ecosistema, perdono tempo e impiegano risorse a sterminare animali selvatici per l’interesse di pochi.
Tracciando un vero e proprio scenario di guerra.
Che mette seriamente in pericolo animali e persone umane, oltre a tradire l’articolo 9 della Costituzione.

“Con questa nuova formulazione i cacciatori potranno sparare a qualsiasi animale selvatico, anche quelli protetti e super protetti come orsi, lupi, aquile e altri rapaci, per 365 giorni l’anno e 24 ore al giorno. Questo sarà possibile anche nelle zone protette quali i parchi nazionali e regionali, le oasi, le riserve e gli ambiti urbani. Potranno sparare verso case, strade e luoghi di lavoro, ovunque intravedano un animale selvatico, senza dover rispettare la distanza minima di sicurezza di 150 metri, entrando letteralmente nei giardini privati e aprendo il fuoco sotto i balconi di casa nostra, contrariamente da quanto afferma oggi sul Corriere della Sera il Ministro Lollobrigida”. – Massimo Vitturi, Resposanbile LAV Area Animali Selvatici

Ancora: Se la Legge verrà approvata così com’è, dal 1° gennaio 2023 con Atti regionali e poi da maggio prossimo con Decreto dei Ministri dell’Ambiente e dell’Agricoltura, nessun animale selvatico sarà più al sicuro: verranno braccati ovunque, anche nei periodi più delicati dell’anno dedicati alla riproduzione e alla cura dei piccoli, anche nei momenti di riposo e in zone che fino al giorno prima erano vietate ai cacciatori.

Per questo unisciti a noi.
Partecipa anche tu alla protesta.
Esprimi il tuo dissenso.
Pronuncia un forte e chiaro NO all’emendamento sulla caccia.
Sul sito LAV trovi un esempio di lettera e il link per l’invio!
Diffondi la protesta a tutte le persone con un minimo di coscienza.
Insieme possiamo farcela ma abbiamo poco tempo per fermarli.

Sara Vitadacani Onlus
Sara d’Angelo
Attivista, fondatrice e Presidente di Vitadacani, responsabile del progetto Porcikomodi e referente della Rete dei Santuari di Animali Liberi.